Semi di lino: proprietà, uso e benefici

Semi di lino: proprietà, uso e benefici

Cucchiaio con semi di lino
(Last Updated On: 05/02/2018)

Semi di lino: proprietà, uso e benefici

Scopriamo la forza di questi alimenti sempre più consumati dagli italiani per il loro positivo riscontro sul nostro organismo.
Sui semi di lino, derivanti dalla pianta Linum usitatissimum, si sono scritti numerosi ed interessanti libri e si sono realizzati anche importanti studi in laboratorio. Le ricerche effettuate nel corso degli anni hanno sempre sottolineato l’ampio valore positivo che i semi di lino hanno sul nostro corpo, soprattutto se consumati con regolarità. Si tratta di sostanze ricche di omega 3, proprio per questo motivo vengono consumati soprattutto dai vegani e vegetariani. Al di là di tutto si rivelano sostanze utili per curare numerosi disturbi, in modo particolare la stitichezza. Sono formati, tra le altre cose, da acqua, proteine, grassi, carboidrati ed ancora calcio. La Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana ha analizzato questo specifico campo lodando questi semi e dichiarando di assumere tali alimenti proprio per regalare al nostro organismo la quantità giusta di acidi grassi essenziali. Si potrebbero prendere fino a 6 cucchiaini di semi al giorno macinati per godere di una perfetta salute.

Semi di lino: proprietà e benefici

Consumare quotidianamente i semi di lino vuol dire riuscire ad equilibrare la propria alimentazione. Oltre alla presenza fondamentale degli omega 3, questi alimenti assicurano anche un necessario apporto di sali minerali. Figurano, ad esempio, il fosforo, le vitamine E e del gruppo B. Nel detto comune si usa definire questi semi ‘spazzini’: un termine per indicare la capacità di questo prodotto di riuscire a depurare il nostro organismo eliminano le scorie residuate nel nostro corpo. Questi semi sono in grado anche di andare a stimolare il sistema immunitario, combattono antipatiche infiammazioni e combattono la cistite.

Come usare i semi di lino e dove trovarli

I semi di lino si trovano facilmente nei supermercati biologici ed in tutte le erboristerie. C’è chi adopera i semi tritati, chi, invece, interi. Per riuscire a regolarizzare il proprio intestino e combattere nel migliore dei modi la stitichezza si suggerisce di consumarli interi. Basterà immergere un cucchiaio di semi all’interno di un bicchiere d’acqua per tutta una notte in modo che vengano rilasciate le mucillagini presenti in essi, perfette per il benessere intestinale. Il giorno dopo, prima di fare colazione, si dovrà bere il composto ben filtrato. Questa semplice azione, realizzata in modo costante, è capace di allontanare concretamente il problema della stipsi. Sono tantissime le persone che hanno scelto di arricchire la loro alimentazione con almeno due o tre cucchiaini di semi di lino tritati, posti nello yogurt, nel latte insieme ai cereali. Una manciata di semi di lino insieme alle noci sarebbe l’ideale anche come spuntino di metà mattina o pomeriggio per spezzare la fame. Sono deliziosi anche se immessi nell’insalata. Si possono ritrovare nelle erboristerie specializzate anche dei preparati con i semi di lino che vanno assunti, però, ad uso esterno. Si possono, infatti, acquistare gel ottimi per dare vitalità e lucentezza a pelle e capelli. Questi alimenti così speciali possono essere adoperati anche per dare vita a gustose e salutari ricette da fare per se stessi o in occasione di cene in compagnia di amici. Piacciono molto le patate croccanti con i semi di lino, le farfalle o i risotti con rucola, burro e semi ed ancora la pasta al pesto unita a questi alimenti ben macinati. Non manca chi ama impanare la carne ed il pesce con questi prodotti, che sono anche capaci di accelerare la cottura e regalare un sapore particolarissimo e delizioso. Possono essere adoperati per ideare dolci, crostate o biscotti.

Tisane e semi di lino

Anche le tisane realizzate con i semi di lino si rivelano molto importanti per la nostra salute. Spesso questi alimenti vengono bolliti insieme ad altre sostanze naturali valide come, ad esempio, il tiglio o l’anice stellato. Ottimi ingredienti in cucina, i semi di lino aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e sono un ottimo rimedio in caso di stitichezza. Si dice che una tisana con semi di lino sia capace presa tutte le sere di combattere anche il colesterolo.

Gel di semi di lino realizzati in casa in modo completamente fai da te

Forse non tutti sanno che si possono creare con i semi di lino dei gel in modo fai da te. Sul web sono presenti numerosi tutorial che spiegano passo dopo passo come crearli. Il procedimento è davvero semplice. Bastano circa 30 grammi di semi di lino. Questi vanno fatti bollire in circa 200 ml d’acqua per non più di 6-7 minuti. Una volta tolto il composto dalla fiamma è necessario farlo raffreddare per qualche ora. Nel corso del tempo si noterà il formarsi spontaneo di un vero e proprio gel. Filtrato il prodotto ottenuto e dopo averlo posto in un contenitore sterilizzato conservatelo per almeno una settimana.

Perché macinare i semi di lino?

I semi di lino andrebbero macinati per godere al meglio dei suoi benefici: la struttura esterna dell’alimento essendo dura non viene digerita ed al contrario viene ricacciata spesso così com’è dopo che si è andati in bagno.

Perché è importante conservare per bene i semi di lino?

I semi di lino interi devono essere conservati in un luogo asciutto, lontano dalla luce o da fonti di calore. Se, invece, sono stati tritati è necessario per non perdere i loro valori nutrizionali conservarli ermeticamente in un vasetto di vetro in frigo.

Semi di lino e controindicazioni

Purtroppo, nonostante tutte le proprietà benefiche dei semi di lino, è comunque, necessario sottolineare che possono esserci dopo il suo consumo, in determinati casi, alcune controindicazioni. Si dice, addirittura, nel peggiore dei casi, che questi semini possano per le loro piccole dimensioni restare nelle anse intestinali infiammandole. Anche chi soffre di colon irritabile dovrebbe stare attento al consumo eccessivo dei semi di lino. Si consiglia, invece, di non somministrare questi alimenti ai piccoli, in quanto il loro stomaco potrebbe risultare ancora delicato per ricevere questo prodotto.

Semi di lino per dimagrire

Molte donne affermano di aver perso peso dopo aver consumato i semi di lino tritati per almeno un mese di fila. La prima cosa da dire è che questi alimenti proprio per la presenza di fibre al loro interno creano, una volta mangiati anche insieme ad altre sostanze, una reale sensazione di sazietà nello stomaco. Sono, tra le altre cose, e gli Omega 3 si dimostrano capaci di bruciare i grassi dal nostro corpo.

Guarda anche le proprietà della mirra

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Frutti colorati di Alchechengi su tavola di legno
Pubblicato da |
Alchechengi: proprietà, uso e benefici
Gli alchechengi, o alkekengi La pianta Physalis alkekengi, appartenente alla famiglia delle Solanacee, produce una piccola bacca nota come Alchechengi. Il termine "alkekengi" ha origini francesi e deriva da "alquequange...
Fiore della pianta di Konjac
Pubblicato da |
Konjac: proprietà, uso e benefici
Le origini del Konjac e il suo utilizzo nella storia Il Konjac, anche noto come Amorphophallus konjac, è una pianta perenne, o meglio una radice, appartenente alla famiglia delle Aracee....
Proprietà e benefici della Gomma di Guar
Pubblicato da |
Gomma di Guar: proprietà, uso e benefici
Gomma di guar: caratteristiche principali Quando si parla di gomma di guar (chiamata comunemente anche guarano) si intende generalmente una tipologia di farina che si ricava dalla macinazione dei semi...