Olio essenziale di anice stellato proprietà e utilizzo

Olio essenziale di anice stellato proprietà e utilizzo

Semi di anice stellato
(Last Updated On: 08/02/2018)

L’olio essenziale di anice stellato si estrae da una pianta di origine asiatica, il cui nome è Ilicium verum. Si tratta di una pianta sempreverde che può raggiungere i 10-15 metri di altezza. I fiori sono di colore giallo biancastro e danno origine ad un particolare frutto legnoso, formato da vari lobi, anche fino a 12, disposti a raggera a formare una stella. A maturazione i lobi si rompono mostrando all’interno un seme aromatico, che è la fonte da cui si trae l’olio essenziale di anice stellato.

L’uso dell’anice stellato in Europa

L’utilizzo dell’anice stellato in Europa è molto recente, anche se è millenario l’uso dell’anice vero e proprio, quello a seme singolo. In effetti l’aroma tipico dell’anice si può ottenere da diverse piante, che non hanno alcun tipo di parentela botanica tra loro, nonostante i loro semi presentino contenuto di principi attivi del tutto simili. In particolare l’anice più usato anticamente in Europa è ancora oggi ottenuto dai semi della pianta il cui nome botanico è Pimpinella anisum. Anche in Italia questa pianta, probabilmente proveniente dal vicino oriente, è ormai endemica e si trova comunemente lungo le coste sui terreni incolti. Produce ampie foglie e particolari infiorescenze a ombrella, simili a quelle del finocchio selvatico o della carota selvatica. Per millenni questa pianta è stata utilizzata in cucina, in erboristeria e nella medicina popolare.

L’aroma di anice si ottiene anche dai semi della pianta di anice stellato, ilicium verum e anche dall’ilicium anisatum, in minima parte. L’uso di questo tipo di anice è molto più recente in Europa, anche se anticamente veniva sfruttato dalle popolazioni asiatiche. Oggi la gran parte dei liquori e dei prodotti con aroma di anice sfruttano l’olio essenziale di anice stellato, in quanto è molto più facile produrne ampie quantità ottenendolo dai semi di un grande albero sempreverde, piuttosto che da una piccola pianta annuale. I particolari frutti di anice stellato sono utilizzati anche come decorazioni, soprattutto per preparare centrotavola o ghirlande nel periodo natalizio.

Proprietà dell’anice stellato

L’anice stellato è usato in medicina, in erboristeria e in fitoterapia perché possiede interessanti proprietà, dovute alla presenza di alcuni principi attivi, tra cui triterpeni, cumarine, polifenoli, flavonoidi e anetolo. Anche in Europa ha progressivamente sostituito l’anice tradizionale e buona parte delle sue proprietà sono state avvalorate da diverse ricerche scientifiche.

Proprietà dell’olio essenziale di anice stellato

L’olio essenziale di anice stellato ha particolari proprietà, viene infatti utilizzato come stimolante e antispasmodico; in più può essere utilizzato come stimolante, digestivo, carminativo e balsamico. Uno degli utilizzi più classici riguarda i casi di perdita di appetito, ma le proprietà di questo olio essenziale sono molte altre. Si tratta infatti di una sostanza con elevate proprietà espettoranti e antispasmodiche. Se ne utilizzano poche gocce per curare le malattie che riguardano l’apparato respiratorio, ma anche per favorire la digestione. Il suo utilizzo quindi spazia in diversi ambiti, dai casi di catarro, tosse o bronchite, fino all’inappetenza dovuta alla chemioterapia o ad altre problematiche, o anche nei casi in cui si debba ricercare un aiuto per la digestione lenta e difficile, per evitare l’insorgenza di flatulenza, nausea o vomito.

Come utilizzare l’olio essenziale di anice stellato

L’olio essenziale può essere utilizzato puro, anche come antibatterico e antivirale, per combattere l’herpes e anche per curare le più comuni affezioni da virus, come ad esempio l’influenza. In particolare i semi e l’olio da essi estratti sono utilizzati per produrre un farmaco antivirale molto diffuso, a base di acido shikimico, contenuto in piccole percentuali nell’anice stellato, in particolare in quelli di ilicium anisatum. Questo metodi di produzione dell’acido shikimico però sta venendo soppiantato da altri metodi, più pratici e meno dispendiosi.

L’olio essenziale di anice stellato nella medicina popolare

L’olio essenziale di anice stellato è molto utilizzato anche in medicina popolare, sia nelle zone di origine della pianta, sia in Europa, al posto dell’anice classico. I semi possono essere utilizzati anche per preparare tisane, da bere tiepide nei casi di catarro e problematiche che riguardano la digestione. Se ne consiglia l’utilizzo anche dopo il parto, per sfruttarne le proprietà galattagoghe: stimola la produzione di latte materno. Nei luoghi d’origine l’uso dell’anice stellato è simile a quello fatto in occidente, se ne utilizzano i semi pestati per produrre preparati contro la diarrea, la flatulenza, le problematiche correlate all’apparato digerente. Oggi L’anice stellato, sotto forma di rimedio dinamizzato, viene usato anche in omeopatia, dove si utilizza per le sue proprietà galattagoghe e anche per lenire i dolori alla schiena.
Come tutti ben sanno, l’anice stellato viene utilizzato anche in cucina, dove però si preferiscono i semi triturati all’olio essenziale.

L’olio essenziale di anice stellato: controindicazioni

L’olio essenziale di anice stellato contiene i principi attivi dei semi della pianta in quantità particolarmente concentrate. Per questo motivo è sempre bene utilizzare un olio essenziale di anice stellato titolato, ossia che contenga una precisa quantità di principi attivi, in modo da avere la certezza di non abusarne. Le controindicazioni dell’utilizzo riguardano soprattutto gli eccessi: è consigliabile utilizzarne piccole dosi per verificare di non essere allergici o intolleranti alle diverse sostanze contenute.

L’anice stellato ottenuto dalla pianta ilicium verum è del tutto sicuro e privo di sostanze tossiche al suo interno, conviene però utilizzarlo in dosi ridotte, soprattutto nel caso di bambini e lattanti. Le controindicazioni infatti riguardano l’utilizzo in dosi molto elevate che possono causare nausea, vomito, o addirittura convulsioni. Molti casi di intossicazione da olio essenziale di anice stellato derivano però da prodotti di bassa qualità, contaminati con minime quantità di olio ottenuto da piante di anice giapponese, o ilicium religiosum, altamente tossico.

Possibili interazioni dell’olio essenziale di anice stellato

L’olio essenziale di anice stellato può avere delle interazioni con alcuni farmaci, tra cui estrogeni o altri ormoni, che interagiscono con l’anetolo presente nel composto. Se si consuma anice stellato in concomitanza con farmaci FANS o cortisonici questi possono avere un effetto potenziato, lo stesso si può dire nel caso di utilizzo di farmaci che possono avere effetti fotosensibilizzanti. In dosi corrette e utilizzando prodotti di buona qualità l’olio essenziale di anice stellato non ha alcun tipo di controindicazione, se non nel caso di soggetti particolarmente sensibili ai principi attivi in esso contenuti.

Dove si trova l’olio essenziale di anice stellato

Si trova nelle tradizionali erboristerie e negozi di prodotti naturali, oppure direttamente su internet, nelle erboristerie con lo shop online. Ricordiamo di acquistare sempre l’olio essenziale di anice stellato puro al 100%, ossia senza uso di ingredienti di origine chimica.

Guarda anche le proprietà dell’olio essenziale di petitgrain

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Ramo di cipresso con bacche
Pubblicato da |
Olio essenziale di cipresso proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di cipresso L'olio essenziale di cipresso viene estratto dalla Cupressus sempervirens, albero che cresce in un contesto mediterraneo e infatti è molto nota in Italia, è una...
Bacche di pepe nero su tavolo di legno
Pubblicato da |
Olio essenziale di pepe nero proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di pepe nero Il pepe nero, e i suoi estratti, è da sempre utilizzato nella medicina orientale, grazie ai molteplici benefici. La sua origine è indiana ma...
Boccettino dosatore di olio essenziale di salvia e foglie di salvia
Pubblicato da |
Olio essenziale di salvia proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di salvia L'olio essenziale di salvia è estratto dalla Salvia sclarea, una pianta cespugliosa e sempreverde dalle foglie profumate usate spesso come spezia alimentare. La sua origine...