Olio essenziale di petitgrain proprietà e utilizzi

Olio essenziale di petitgrain proprietà e utilizzi

Boccetto con olio essenziale di petitgrain e alcune fette di agrumi
(Last Updated On: 08/02/2018)

Che cos’è l’olio essenziale di petitgrain

L’olio essenziale di petitgrain deriva dalle foglie, i frutti ancora acerbi ed i piccoli rametti degli agrumi. Il più noto è quello dell’albero di arancio amaro, conosciuto anche melangolo. Si tratta di una pianta originaria della zona meridionale della Cina, poi arrivata intorno all’anno Mille in Europa. L’albero di arancio amaro è alto circa dieci metri. Ha foglie più scure e lunghe rispetto all’arancio dolce, frutti profumati ma aspri e delicati fiori bianchi.

Molto piacevoli e intensi sono anche i petit grain estratti dalle foglie di mandarino o limone. Tra gli usi principali del petitgrain, si segnala la produzione di profumi e l’uso fitoterapico. Le proprietà riconosciutegli sono quelle di rilassare e donare armonia e calma se diffuso all’interno di un ambiente o massaggiato sul corpo, tramite un olio vettore come quello di mandorle dolci o al germe di grano. Importanti effetti tonicizzanti sono possibili mescolandolo a estratti di semi di uva che, grazie alla presenza dei polifenoli, aiutano a stimolare la circolazione e a contrastare anche gli inestetismi della cellulite.

Il petitgrain è spesso utilizzato per le sue funzioni cicatrizzanti, antinfiammatorie e antibatteriche. Sono note anche le sue proprietà specifiche per pelli e capelli grassi: l’olio essenziale, in questo caso, svolge un’importante funzione sebo regolatrice.

Come utilizzare l’olio essenziale di petitgrain

Gli oli essenziali sono moltissimi e di molti tipi, ma come usarli nel modo migliore? Per godere degli effetti rilassanti e calmanti del petitgrain, si potrà inalare appena il prodotto oppure profumare gli ambienti. L’operazione è piuttosto semplice: basterà inserire alcune gocce di olio in base ai metri quadri utilizzando un classico bruciatore di oli essenziali, oppure inserirne una quantità contenuta nel termosifone o nel deumidificatore. Soprattutto chi soffre d’insonnia, trarrà giovamento nel permeare gli ambienti con l’olio essenziale di petitgrain ricavato dalle foglie di arancio amaro.

L’unica accortezza da rispettare, sarà quella di diffondere nella stanza da letto l’essenza anche solo mezz’ora prima di andare a dormire. In questo modo, si riuscirà a beneficiare delle sue proprietà rilassanti, capaci di conciliare il riposo e portar via tutto lo stress accumulato nel corso delle giornate.

Proprietà dell’olio essenziale di petitgrain

Oltre a questa importante funzione legata all’aromaterapia, l’olio di petitgrain è utilizzato con buoni risultati anche nel settore fitoterapico. A questo proposito, le proprietà antibatteriche degli agrumi in generale sono assai note. In caso di leggeri mal di gola, il suggerimento è quello di effettuare dei fumenti mescolando nell’acqua calda alcune gocce di olio essenziale. Ciò aiuterà senz’altro a disinfettare le vie respiratorie e lenire la tosse o altri piccoli disturbi, come le afte. Pediluvi e bagni caldi, effettuati sciogliendo i sali minerali e aggiungendo un paio di gocce di olio di petitgrain, regaleranno un piacevolissimo effetto rilassante e lenitivo. Ma i modi per utilizzare questo prodotto non finiscono certo qui.

Olio essenziale di petitgrain: come creare una maschera per la pelle

Una buona idea è anche quello di mescolare alcune gocce all’argilla verde: il risultato sarà una maschera naturale estremamente purificante, che riuscirà a liberare la pelle grassa da acne o impurità. L’olio essenziale di petitgrain è utilissimo non solo per creare impacchi e rimedi fai da te, ma anche nella cosmetica ufficiale. Creme, detergenti, deodoranti, saponi e, soprattutto, profumi dalla fragranza fresca e accattivante sono realizzati a partire da questo irrinunciabile ingrediente.

Alcune curiosità sull’olio essenziale di petitgrain

L’olio essenziale di petitgrain si ottiene tramite un processo di lavorazione definito come distillazione in corrente di vapore: si tratta di uno dei metodi più utilizzati per realizzare acque aromatiche o oli essenziali. Gli altri prodotti estratti dagli aranci nascono da procedimenti nettamente differenti: l’olio essenziale di arancio, sia dolce che amaro, si ottiene tramite la tecnica della spremitura a freddo.
Il Neroli invece, nasce grazie alla tecnica dell’enflourage, impiegata per racchiudere le essenze delicati di fiori e simili.

Controindicazioni per l’olio essenziale di petitgrain

Non sono riscontrati effetti collaterali particolari legati all’uso dell’olio di petitgrain. Per quanto concerne la conservazione, questa deve avvenire in un luogo asciutto e fresco, lontano dai raggi solari. I principi attivi del petitgrain di arancio amaro sono, tra gli altri, l’acetato di geranile, il geraniolo, il nerolo e il linalolo. Chi ha intenzione di beneficiare di quest’olio per i massaggi può trovarlo facilmente presso i rivenditori specializzati unito ad altri composti, per facilitarne l’applicazione e stimolare, allo stesso tempo, la circolazione. Come è noto, infatti, non bisogna utilizzare l’olio essenziale in forma pura.

Dove si trova l’olio essenziale di petitgrain

Sebbene sia meno famoso di altri prodotti dello stesso tipo, l’olio essenziale di petitgrain si trova con facilità sia nelle erboristerie specializzate che nelle farmacie o nelle botteghe che vendono prodotti naturali. Viene venduto sia in piccole confezioni da 10 o 15 ml che in confezioni più grandi, che possono arrivare fino a 100 ml. Il costo contenuto e le grandissime proprietà lo rendono un prodotto indispensabile per chi è appassionato di prodotti e rimedi naturali e di qualità. In genere il prezzo per 10 ml. si aggira intorno ai 10 euro, un prezzo molto più basso potrebbe essere sintomo di un prodotto di scarsa qualità o non puro al 100%: ricordiamo sempre che gli olii essenziali devono sempre essere puri al 100% , e se non lo sono, possono essere usati solo come profumatori d’ambiente: se infatti sono prodotti tramite ingredienti di origine chimica perdono ogni proprietà benefica.

Scopri anche le proprietà dell’olio essenziale di lavanda

 

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Ramo di cipresso con bacche
Pubblicato da |
Olio essenziale di cipresso proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di cipresso L'olio essenziale di cipresso viene estratto dalla Cupressus sempervirens, albero che cresce in un contesto mediterraneo e infatti è molto nota in Italia, è una...
Bacche di pepe nero su tavolo di legno
Pubblicato da |
Olio essenziale di pepe nero proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di pepe nero Il pepe nero, e i suoi estratti, è da sempre utilizzato nella medicina orientale, grazie ai molteplici benefici. La sua origine è indiana ma...
Boccettino dosatore di olio essenziale di salvia e foglie di salvia
Pubblicato da |
Olio essenziale di salvia proprietà e utilizzo
Storia dell'olio essenziale di salvia L'olio essenziale di salvia è estratto dalla Salvia sclarea, una pianta cespugliosa e sempreverde dalle foglie profumate usate spesso come spezia alimentare. La sua origine...