Dentifricio per i denti: guida alla scelta del più adatto

Dentifricio per i denti: guida alla scelta del più adatto

Dentifricio per i denti
(Last Updated On: 01/10/2017)

Per una corretta igiene orale è fondamentale scegliere il miglior dentifricio possibile: ecco tutti i consigli utili per trovare il prodotto ideale per le proprie esigenze.

Gli ingredienti del dentifricio

La prima cosa che bisogna guardare quando bisogna scegliere un dentifricio è l’elenco degli ingredienti. Infatti solo così si ha la certezza di trovare quello adatto per la propria dentatura. Ciò significa fare caso, ad esempio, alla presenza di disinfettanti, sostanze dolci o altre molecole che potrebbero risultare più o meno efficaci nella pulizia del cavo orale.

Occhio alle sostanze abrasive e lubrificanti nel dentifricio

Queste sostanze sono di grande importanza all’interno di un dentifricio. Si parla di fosfato di calcio, carbonato di calcio e vari gel che hanno fondamentalmente una funzione abrasiva. Passando invece agli addensanti e leganti, i più importanti sono sicuramente glicerina e cellulosa. Questi sono ottimi in quanto garantiscono una maggiore capacità di penetrare in vari punti della bocca e fare in modo da ottenere una pulizia soddisfacente. Senza dimenticare di fare attenzione anche agli umettanti come sorbitolo e PEG (polietilenglicole) che si trovano nei dentifrici in commercio.

Tante varietà di dolcificanti ed aromi disponibili

La possibilità di trovare il dentifricio perfetto per le proprie esigenze non è affatto remota. Ecco perché è bene tener presente un elemento di fondamentale importanza ovvero la presenza di dolcificanti e aromi: ci sono svariate tipologie che differiscono proprio per questi aspetti. Meglio preferire dolcificanti che non causano carie come xilitolo e saccarina. Mentre per quanto riguarda gli aromi, è preferibile scegliere quelli di derivazione naturale rispetto a quelli che sono soggetti a lavorazione. Motivo per cui si trovano in commercio prodotti con cannella, mentolo e tanti altri olii essenziali benefici per la pulizia della bocca.

Le diverse tipologie di dentifricio

Bisogna comunque ricordare che in commercio esistono tante tipologie di dentifricio in base a ciò di cui si ha bisogno. Ad esempio, coloro che vanno incontro a placca possono optare per prodotti specifici anti-placca, mentre quelli alla clorexidina sono quelli ideali per persone che tendono ad andare incontro ad infezioni del cavo orale. Ci sono anche quelli sbiancanti che permettono una pulizia migliore e quelli per gengive sensibili che riducono l’infiammazione.

Le quantità: elementi da non sottovalutare in un dentifricio

Ogni confezione di dentifricio presenta un proprio volume. Nonostante possa sembrare un elemento non indispensabile, è bene considerare anche questo aspetto. Ecco perché, ad esempio, coloro che viaggiano farebbero bene ad optare per quantità ridotte, mentre chi ne fa un uso quotidiano è bene scelga prodotti dal volume maggiore. Il tutto per fare in modo da non rimanere mai senza e pulire la propria dentatura sempre con lo stesso prodotto. Solo così si possono avere risultati positivi e che, alla lunga, sarà più facile mantenere grazie a prodotti di qualità.

Guarda anche come e quando usare il filo interdentale

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Bambino che usa lo spazzolino elettrico
Pubblicato da |
Spazzolino elettrico: quali sono i vantaggi e gli svantaggi
Nella società attuale troppo spesso ci si fionda all'acquisto di un determinato prodotto senza valutarne opportunamente le caratteristiche: ecco perciò una utile panoramica su vantaggi e svantaggi dello spazzolino elettrico....
Denti con gengive-sanguinanti
Pubblicato da |
Cosa fare per le gengive sanguinanti
Come mai sanguinano le gengive Le gengive sanguinanti sono il sintomo ultimo di una patologia particolarmente comune, ovvero la gengivite. La gengivite insorge in maniera particolarmente fastidiosa in caso di...
Donna che prova il suo alito
Pubblicato da |
Rimedi per l’alitosi
Per alitosi si intende una fastidiosa problematica che colpisce numerosi soggetti (sia giovani che adulti) i quali, parlando o respirando a bocca aperta, tendono ad esalare un alito cattivo. In...