Sbiancamento dei denti con il laser: cos’è e come funziona

Sbiancamento dei denti con il laser: cos’è e come funziona

Sorriso di una donna prima e dopo lo sbiancamento laser
(Last Updated On: 05/02/2018)

La soluzione più classica ed accessibile, sia dal punto di vista economico che pratico, per sbiancare i denti è indubbiamente quella offerta dall’utilizzo, in simbiosi, di spazzolino e dentifricio. Sfortunatamente però la messa in pratica di questa buona abitudine non sempre sembra essere sufficiente. Infatti, sopratutto nei casi più problematici, quelli cioè in cui il velo giallo che ricopre lo smalto dei denti è molto stratificato e complicato da togliere, l’unica soluzione che rimane al paziente sta nel fare ricorso allo sbiancamento dei denti con il laser.

Lo sbiancamento dei denti con il laser funziona?

Lo sbiancamento dei denti con il laser è una delle strategie più innovative ed utilizzate dai dentisti di tutto il mondo, per offrire ai propri pazienti un sorriso luminoso nel giro di poche sedute. La tecnica sopracitata ha un effetto immediato e viene messa in pratica applicando, sull’intera regione dentale, una sottile patina di gel prodotto a base di perossido di idrogeno. Una volta che i raggi laser colpiscono la superficie del gel, esso libera sui denti i radicali liberi che si introducono dentro lo smalto e circondano le molecole pigmentate, coloro che causano l’ingiallimento dei denti, annientandole. Il gel deve permanere all’interno del cavo orale per circa quaranta minuti dopo il trattamento con il laser. Questo piccolo accorgimento consentirà ai radicali liberi di portare a compimento la loro azione sbiancante.

Si prova dolore durante la pratica di sbiancamento dei denti con il laser?

Durante il corso delle sedute il paziente non sente alcun tipo di dolore, ma i medici solitamente, sopratutto quando hanno a che fare con pazienti particolarmente ansiosi, pur non essendocene bisogno sono soliti ricorrere all’utilizzo di un anestetico. Nei giorni seguenti lo sbiancamento dei denti con il laser, alcuni soggetti potrebbero sentire un leggero fastidio a livello gengivale, ma niente di particolarmente spiacevole o irritante.

Lo sbiancamento dei denti con il laser presenta delle controindicazioni?

In realtà, ad oggi, non vi sono controindicazioni. Le uniche eccezioni per la messa in pratica dello sbiancamento dei denti con il laser riguarda casomai i pazienti che risultano essere affetti da patologie particolari, in stato interessante, durante il periodo dell’allattamento o nel caso in cui i denti del paziente risultino essere particolarmente rovinati. Solitamente i dentisti sconsigliano, almeno durante i primi dieci giorni successivi allo sbiancamento, il consumo di cibi che contengano al loro interno elevate quantità di zuccheri.

Quanto dura l’ettetto dovuto allo sbiancamento dei denti con il laser?

Sfortunatamente questa non è una tecnica permanente, ma ha una durata temporanea che si aggira intorno ai ventiquattro mesi. Dopo tale arco di tempo non è improbabile che ricomincino a ripresentarsi macchie e aloni gialli. Per ovviare a tale problematica è sufficiente avere una scrupolosa igiene dentale e, almeno due volte all’anno, recarsi presso uno studio dentistico per un’attenta pulizia dentale professionale.

Guarda anche quando e come fare la pulizia dei denti

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Bambino che usa lo spazzolino elettrico
Pubblicato da |
Spazzolino elettrico: quali sono i vantaggi e gli svantaggi
Nella società attuale troppo spesso ci si fionda all'acquisto di un determinato prodotto senza valutarne opportunamente le caratteristiche: ecco perciò una utile panoramica su vantaggi e svantaggi dello spazzolino elettrico....
Denti con gengive-sanguinanti
Pubblicato da |
Cosa fare per le gengive sanguinanti
Come mai sanguinano le gengive Le gengive sanguinanti sono il sintomo ultimo di una patologia particolarmente comune, ovvero la gengivite. La gengivite insorge in maniera particolarmente fastidiosa in caso di...
Donna che prova il suo alito
Pubblicato da |
Rimedi per l’alitosi
Per alitosi si intende una fastidiosa problematica che colpisce numerosi soggetti (sia giovani che adulti) i quali, parlando o respirando a bocca aperta, tendono ad esalare un alito cattivo. In...