Alloro: proprietà, uso e benefici

Alloro: proprietà, uso e benefici

Mazzetto con foglie di alloro
(Last Updated On: 05/02/2018)

L’Alloro è una gradevole pianta aromatica, ricca di numerose virtù benefiche. Caratterizzata da un profumo intenso e penetrante, è conosciuta e apprezzata nella medicina naturale per le sue proprietà digestive, antinfiammatorie e analgesiche.

Storia dell’alloro

Le origini dell’alloro si perdono nella notte dei tempi. Le prime notizie sono quelle relative al suo utilizzo nel famoso sapone di Aleppo, preparato nell’omonima cittadina siriana. Apprezzato e amato in tutta la Grecia, era la pianta consacrata ad Apollo e a suo figlio Asclepio, dio della medicina. Le sue foglie, secondo gli storici elleni, erano masticate dalle sacerdotesse dell’oracolo di Delfi per predire il futuro. Secondo Aulio Gellio, storico e giurista dell’Impero, la corona d’Alloro veniva utilizzata per incoronare e premiare l’imperatore o il comandante dell’esercito vittoriosi in battaglia. In seguito questa corona andò a ornare le teste di persone di grande valore culturale come poeti e intellettuali dell’epoca. Durante il Medioevo le foglie di questa pianta venivano utilizzate per regalare un aroma intenso a frutta, gelatine e pietanze varie. Un’usanza non soltanto culinaria ma anche conveniente. I cuochi dell’epoca infatti aveva notato che l’Alloro era in grado di “confortare a dovere sia lo stomaco che il cervello”. Considerato come un potente rimedio contro la peste sotto forma di suffumigi, era utilizzato dalle donne dell’epoca per curare i disturbi mestruali.

La leggenda dell’alloro

Come nacque questa pianta dal potente valore simbolico? La leggenda narra che Apollo, inorgoglito dall’uccisione del serpente Pitone, si vantasse con Cupido, deridendo le sue frecce. Il dio dell’Amore, indispettito, lo colpì con una freccia d’oro per farlo innamorare della prima persona che i suoi occhi avrebbero visto. La malcapitata in questo caso fu Dafne, sacerdotessa di Gea. Cupido, non ancora soddisfatto, colpì la donna con una freccia di piombo per farla fuggire a gambe levate dall’amato. Dopo alcuni inseguimenti, Dafne, stremata, invocò l’aiuto del padre che la trasformò in un albero di Alloro. Da quel momento Apollo si fregiò il capo con la corona di foglie d’Alloro, dichiarando la pianta simbolo della pazienza e della gloria. Non contento stabilì che la corona dovesse ornare il capo di chi si fosse distinto per atti eroici.

Descrizione botanica

L’alloro, chiamato anche Lauro, appartiene alla famiglia delle Lauracee. Originario dell’Asia Minore, è oggi diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo. Ama il clima temperato e nel meridione cresce spontaneo anche lungo le coste mentre al Nord ha bisogno di essere coltivato. È un arbusto sempreverde che può arrivare anche a 10 metri di altezza, se trova il clima e il terreno adatto alle sue esigenze. Le foglie sono di un bel verde acceso, lanceolate e ricche di ghiandole resinose, responsabili dell’odore intenso e aromatico. I fiori sono di un bellissimo giallo chiaro e nascono in primavera. Il frutto è la bacca (drupa) che matura nella stagione autunnale e contiene un solo seme.

I principi attivi dell’alloro

L’Alloro è ricco di principi attivi, contenuti sia nelle foglie che nelle bacche. Tra questi ricordiamo:

Oli essenziali

Il geraniolo, il cineolo e l’eugenolo sono solo alcuni degli oli essenziali presenti nell’Alloro. La loro sinergia permette di sfruttare pienamente le proprietà digestive e carminative della pianta.

Sali minerali

L’Alloro è ricco di calcio, magnesio, manganese, ferro, selenio, zinco e potassio. Svolgono numerose funzioni, essenziali per garantire e conservare il corretto funzionamento dell’organismo umano.

Acido Folico

L’acido folico è una vitamina idrosolubile essenziale per il corretto sviluppo del Dna. Concorre alla formazione dei globuli rossi e svolge un’importante funzione protettiva dell’apparato cardio-vascolare.

L’Alloro è ricco inoltre di vitamine importanti come quelle del gruppo B, utili per metabolizzare in modo corretto il cibo e trasformarlo in energia disponibile per l’organismo. I principi attivi della pianta sono concentrati soprattutto nelle bacche, da sempre utilizzate per le loro numerose virtù benefiche.

Come si utilizza l’alloro?

L’Alloro viene impiegato sia per uso esterno che per uso interno. Le tisane a base di foglie (private del picciolo) o di polvere d’Alloro sono particolarmente apprezzate per il gradevole aroma. Il decotto, invece, è il rimedio d’elezione per contrastare i dolori reumatici. Dalle bacche viene estratto l’oleolito, utile per alleviare il dolore derivante da distorsioni, slogature e strappi muscolari.

Le proprietà dell’alloro

Questa pianta officinale, come abbiamo visto, è ricco di principi attivi. Le sue proprietà benefiche sono molteplici. Infatti è:

Digestivo

Gli oli essenziali contenuti soprattutto nelle bacche favoriscono, grazie alla presenza degli aromi, la digestione. Il meccanismo è molto semplice: il gradevole aroma stimola la salivazione salivare e gastrica e contribuisce all’eliminazione del gas in eccesso.

Analgesico

L’olio essenziale di alloro è utile per alleviare il dolore muscolare di varia natura. Questa proprietà deriva dalla presenza del cineolo, l’olio che inibisce il segnale del dolore che porta lo stimolo al cervello. Per questo motivo è particolarmente indicato per massaggi e frizioni a muscoli tesi e affaticati.

Antinfiammatorio

Recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato che l’alloro svolge un’azione simile ai farmaci antinfiammatori, comunemente chiamati FANS. Un’azione importante soprattutto perché priva degli effetti collaterali tipici di quella categoria farmacologica.

Antisettico

L’alloro contrasta la formazione di parassiti, germi e funghi perché ne impedisce la crescita.

Foglie e bacche sono ideali anche per curare le affezioni respiratorie con catarro perché svolgono un’efficace azione espettorante. Calma il sistema nervoso, combattendo l’umore nero, l’insonnia e le forme lievi di depressione.

L’alloro per la digestione

Le mamme di una volta erano solite preparare tisane a base di alloro ai bambini con mal di pancia e cattiva digestione. Il famoso infuso a base di scorza di limone e foglie di Alloro ha popolato l’infanzia di molti, regalando ai ricordi il profumo tipico e pungente della pianta. Era efficace? Senza dubbio, come dimostrato dall’esperienza e come confermato dagli studiosi. La tisana fa digerire immediatamente, alleviando anche disturbi come la flatulenza e il mal di testa provocato dalla dispepsia. Preparare questa tisana dal sapore antico è molto semplice: si fa bollire una tazza d’acqua con una foglia o due di alloro e una scorza di limone. Si fa riposare coperta per circa dieci minuti, si tolgono le foglie, si dolcifica e si beve. I crampi si attenuano e torna il sorriso, a grandi e piccini.

L’alloro nella cosmesi

Il Laurus Nobilis non è soltanto un ottimo rimedio per alleviare i piccoli malesseri che turbano la serenità della vita quotidiana. Questa pianta è un importante alleato nella cosmesi, come dimostra la sua presenza nel sapone più antico del mondo, il sapone di Aleppo. I detergenti a base di olio di Alloro sono ideali per pulire la pelle in tutta sicurezza. Combattono l’acne e le dermatiti senza alterare il ph cutaneo e rispettano anche l’epidermide delicata dei bambini. È adatto alle persone intolleranti ai profumi, agli additivi e ai tensioattivi presenti nei comuni saponi. Addizionato al proprio shampoo, l’olio di Alloro combatte la caduta, la forfora e il sebo, promuovendo l’ossigenazione e la purificazione del cuoio capelluto.

L’alloro e le credenze popolari

L’alloro da sempre è oggetto di credenze popolari. Se nell’antica Roma i contadini legavano tra le sue foglie dei nastri rossi propiziatori, oggi si dice che dormire con le foglie della pianta sotto il cuscino aiuti a fare dei sogni profetici. Tenere una pianta di alloro in casa aiuta il raggiungimento di fortuna e benessere e la sua presenza aiuta a proteggere la dimora dai fulmini. Nel linguaggio dei fiori, grazie anche alle numerose leggende che lo riguardano, l’Alloro è il simbolo della potenza, della vittoria e del trionfo.

Effetti collaterali e controindicazioni

L’alloro in generale non presenta particolari controindicazioni se non quella di provocare piccole dermatiti da contatto a soggetti predisposti e particolarmente sensibili. Un consumo eccessivo di questa pianta può provocare nausea e vomito. Le tisane non sono indicate in caso di problemi allo stomaco importanti come gastriti e ulcere. Alle dosi indicate non comporta nessuna interazione con i farmaci. Le donne in gravidanza e in allattamento devono concordare il suo utilizzo con il proprio medico curante.

Guarda anche le proprietà benefiche della rosa canina

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Dettaglio della pianta di Tribulus
Pubblicato da |
Tribulus terrestris: proprietà, uso e benefici
Origini e storia del Tribulus Terrestris Il Tribulus Terrestris è una pianta originaria dell'India che si è poi diffusa alla Cina e in altre zone asiatiche fino alle coste e...
Pianta fiorita di erisimo
Pubblicato da |
Erisimo: proprietà, uso e benefici
L'erisimo, la pianta dei cantanti L'erisimo è una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicacee, più comunemente note come crocifere. Il suo nome scientifico è Sysimbrium officinale ed erisimo è...
Radici, foglie e fiori di Rodiola
Pubblicato da |
Rodiola: proprietà, uso e benefici
La rodiola è una pianta medicinale originaria dell’Asia, le cui radici sono utilizzate da millenni nella medicina tradizionale cinese e russa come rimedio naturale. Vanta numerose proprietà benefiche per l’organismo,...