Aloe vera: proprietà, uso e benefici

Aloe vera: proprietà, uso e benefici

Foglie e pezzi di aloe vera
(Last Updated On: 12/02/2018)

L’aloe vera, uno scrigno di benessere

Le proprietà terapeutiche e cosmetiche dell’aloe vera sono note fin dai tempi più remoti: già nell’antico Egitto, il suo potere cicatrizzante e riepitelizzante veniva sfruttato per realizzare trattamenti di bellezza, prodotti detergenti e perfino unguenti per l’imbalsamazione dei defunti. Nel corso dei secoli, le molteplici proprietà dell’aloe vera hanno trovato impiego in sempre più numerosi campi della medicina, della cosmesi e dell’omeopatia: ancora oggi, questa pianta è considerata un sostegno fondamentale per il nostro benessere psicofisico. Appartenente alla famiglia delle Aloeaceae, questa pianta succulenta è diffusa nelle zone più calde del globo; le sue foglie, lunghe e di forma lanceolata, hanno una consistenza carnosa e contengono, al loro interno, una sostanza gelatinosa estremamente ricca di zuccheri, enzimi, saponine, vitamine, aminoacidi, fosfolipidi, sali minerali e antiossidanti. In questo fitocomplesso, la sinergia delle componenti conferisce all’aloe vera un potere benefico ad ampio spettro che la rende un rimedio insostituibile per tutte le esigenze di benessere e in tantissime situazioni della vita quotidiana.

Aloe vera: una pianta, tanti benefici

Uno dei più noti benefici dell’aloe vera deriva dalle sue proprietà cicatrizzanti: il suo succo, infatti, favorisce la ricostruzione dei tessuti danneggiati grazie ad una spiccata capacità di accelerare il rinnovo cellulare. Questa attività rigenerante a vantaggio delle cellule si traduce in un formidabile potere antiossidante per tutto l’organismo: l’aloe vera, infatti, protegge l’integrità di organi e tessuti dai radicali liberi, contribuendo ad un’efficace prevenzione dei tumori e di altre malattie legate all’invecchiamento. Merito di un elevato contenuto di vitamina C, vitamina E, selenio, saponine, vitamine del gruppo B e aminoacidi, nutrienti in grado di stimolare il naturale turn over cellulare esercitando allo stesso tempo una funzione protettiva e rinforzante sul sistema immunitario. Sul tessuto cutaneo e sulle mucose, l’azione benefica dell’aloe vera si espleta su più fronti: lenitivo e calmante, il suo gel allevia gli arrossamenti e la sensazione di bruciore legati a vari stati infiammatori come gli eczemi, l’acne, le ustioni, gli eritemi solari, la seborrea, l’herpes e le afte.

Aloe vera: Proprietà antimicotiche e antifungine

Allo stesso tempo, l’aloe vera possiede qualità antifungine e antimicotiche che la rendono ideale per curare vari tipi di infezioni. Nelle sindromi influenzali e nelle affezioni del sistema osteoarticolare come artriti, artrosi e reumatismi, l’aloe vera agisce da analgesico aiutando, al tempo stesso, a ridurre l’infiammazione. Una particolare efficacia calmante e normalizzante è stata riscontrata nel trattamento dei più comuni disturbi gastrointestinali: l’aloe vera, infatti, ha un effetto molto positivo sulla microflora intestinale e sul miglioramento delle funzioni digestive.

Aloe vera: in gel o succo

L’assunzione di succo di aloe, inoltre, allevia rapidamente gli spasmi addominali, il reflusso gastro-esofageo e alcuni sintomi del colon irritabile. I suoi effetti analgesici sono utili anche nei disturbi del cavo orofaringeo. In più, l’attività lenitiva e cicatrizzante dell’aloe vera si è rivelata utile in tutti i casi di ragadi (soprattutto quelle al seno e quelle anali). Il gel di questa pianta, inoltre, possiede un potere idratante particolarmente apprezzato per la cura della pelle secca o ipersensibile (come la cute delicata dei bambini e degli anziani) e dei capelli sfibrati.

Come si usano il succo o il gel di aloe vera da bere

Il succo delle foglie di aloe vera può essere utilizzato in vari modi. L’uso esterno prevede formulazioni in gel, crema o olio essenziale per impacchi e massaggi, da effettuare direttamente sulle parti interessate; per uso interno, il fitocomplesso viene somministrato in varie forme, dal succo puro allo sciroppo, dall’estratto secco in polvere alla tintura madre. Preparare in casa il succo di aloe da bere è semplice: raccolte le foglie della pianta, si eliminano la base, le estremità spinose laterali e l’intero rivestimento superiore. Si procede così al prelevamento di tutto il gel, che deve essere frullato in modo da ricavarne il succo. La bevanda ottenuta va diluita in acqua o altro succo prima di essere servita. In alternativa è possibile acquistare il succo già pronto in erboristeria, supermercato o rivenditore on line. Il momento ideale per assumerlo è al mattino a stomaco vuoto o prima dei pasti principali, facendo attenzione a non superare i 50-60 ml al giorno. Con i fiori essiccati della pianta è possibile preparare tisane dagli effetti drenanti e detossinanti: i migliori risultati, in questo caso, si ottengono dall’associazione dell’aloe con altre piante depurative, come la betulla e il tè verde.

Aloe vera: le controindicazioni

Nelle dosi corrette, l’aloe non provoca effetti collaterali o intolleranze: per l’estrema dolcezza che la distingue, anzi, la sua azione è solitamente raccomandata ai soggetti più delicati. Tuttavia, esistono casi in cui è opportuno procedere con cautela nella somministrazione in quanto, come tutte le piante officinali, l’aloe vera presenta aspetti poco compatibili con alcuni particolari condizioni psicofisiche. Per la sua azione lassativa, ad esempio, l’aloe vera è sconsigliata ai soggetti con spiccata sensibilità intestinale. Forti crampi addominali e diarrea possono segnalare l’assunzione di una dose eccessiva o lo sviluppo di un’intolleranza: in questo caso è fondamentale interrompere immediatamente il trattamento. Durante l’allattamento, il succo di aloe vera può influire negativamente sul sapore del latte materno rendendolo poco gradito al bambino. Anche la gravidanza costituisce una condizione poco favorevole all’utilizzo di questa pianta: alcuni nutrienti contenuti nell’aloe vera, infatti, possono avere effetti abortivi. Per le sue possibili interazioni, l’aloe vera è sconsigliata durante alcune terapie farmacologiche (con diuretici e corticosteroidi, ad esempio). In linea generale, chi soffre di una patologia cronica dovrebbe sempre richiedere un parere medico prima di assumere un preparato a base di aloe vera.

Dove trovare l’aloe vera

Ancora poco diffusa nei paesi europei, l’aloe vera cresce spontanea in varie zone dell’Africa, dell’America centrale (soprattutto Messico e Repubblica Dominicana) e del sud-est asiatico. Gli habitat più favorevoli alla sua proliferazione sono quelli con clima tropicale e terreno arido e ben drenato; alcune coltivazioni sono state recentemente impiantate in luoghi del continente europeo con temperatura particolarmente mite (è il caso della Spagna). Grazie alle sue spiccate capacità di adattamento, l’aloe vera può essere coltivata anche in vaso, a condizione, naturalmente, di proteggerla dal freddo intenso e dall’eccessiva umidità. In commercio, l’aloe è uno degli estratti naturali più facilmente reperibili ed è disponibile in una grande varietà di formulazioni, da sola o in combinazione con altre erbe officinali. Integratori e bevande ne concentrano al massimo i principi attivi assicurando allo stesso tempo una estrema praticità di assunzione; per uso esterno, l’aloe vera è presente in un gran numero di preparati cosmetici e farmacologici che vanno dagli unguenti alle creme idratanti per viso e corpo, dai prodotti detergenti ai trattamenti specifici per cute e capelli.

Guarda anche le proprietà e i benefici del ginseng

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Dettaglio della pianta di Tribulus
Pubblicato da |
Tribulus terrestris: proprietà, uso e benefici
Origini e storia del Tribulus Terrestris Il Tribulus Terrestris è una pianta originaria dell'India che si è poi diffusa alla Cina e in altre zone asiatiche fino alle coste e...
Pianta fiorita di erisimo
Pubblicato da |
Erisimo: proprietà, uso e benefici
L'erisimo, la pianta dei cantanti L'erisimo è una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicacee, più comunemente note come crocifere. Il suo nome scientifico è Sysimbrium officinale ed erisimo è...
Radici, foglie e fiori di Rodiola
Pubblicato da |
Rodiola: proprietà, uso e benefici
La rodiola è una pianta medicinale originaria dell’Asia, le cui radici sono utilizzate da millenni nella medicina tradizionale cinese e russa come rimedio naturale. Vanta numerose proprietà benefiche per l’organismo,...