Malva: proprietà, uso e benefici

Malva: proprietà, uso e benefici

Pianta di malva con fiori
(Last Updated On: 05/02/2018)

La malva, un lenitivo naturale

Appartenente alla famiglia delle Malvaceae, la malva silvestris è una pianta arbustiva caratterizzata da fiori di colore rosa-violaceo e foglie dal margine seghettato. Deve la sua denominazione all’appellativo di “molle” che le è stato attribuito nell’antichità a causa del suo potere emolliente. La principale proprietà della malva, infatti, si espleta attraverso una spiccata attività lenitiva che calma le infiammazioni riportando i tessuti e le funzioni vitali al loro normale equilibrio. Per questo, fin dai tempi più remoti, la medicina si è avvalsa delle virtù della malva per curare i malesseri legati a stati infiammatori di varia natura. Per uso interno, in particolare, questa pianta officinale viene utilizzata ancora oggi per contrastare le affezioni del sistema urinario e per combattere i sintomi influenzali; molto utile per regolare le funzioni gastrointestinali, la malva trova inoltre impiego contro la stipsi grazie alla delicata compressione esercitata dalle sue mucillagini sulle pareti dell’intestino. Le mucillagini costituiscono uno dei principali componenti di questa pianta: si tratta di polisaccaridi, ovvero di sostanze zuccherine capaci di trattenere l’acqua creando al tempo stesso una pellicola protettiva sulle parti infiammate. In questo modo, la malva è in grado di idratare e lenire contrastando al tempo stesso l’attacco degli agenti irritanti. In tal senso, gli estratti della pianta sono largamente utilizzati anche per uso esterno in caso di cute problematica o eccessivamente fragile.

Benefici e proprietà della malva

Oltre alle mucillagini, che le conferiscono un intenso potere idratante, la malva contiene un benefico fitocomplesso formato da vitamine, minerali, antocianine e flavonoidi. Grazie alla presenza delle antocianine e del potassio, questa pianta contribuisce al benessere dei vasi sanguigni aumentandone l’elasticità e la resistenza: questa attività rende la malva un ottimo alleato contro cattiva circolazione, disturbi del microcircolo, varici, emorroidi, fragilità capillare, ritenzione idrica e inestetismi della cellulite. Nell’intestino, le mucillagini favoriscono lo svuotamento facilitando l’evacuazione e combattendo la stitichezza: per questo, la malva è considerata fin dall’antichità uno dei lassativi naturali più efficaci. La sua azione lenitiva è inoltre utile contro le manifestazioni del colon irritabile, come meteorismo, irregolarità intestinale e spasmi addominali. Il contenuto di mucillagini rende inoltre la malva un potente anti-infiammatorio ad ampio spettro, utile per curare cistiti, bronchiti, faringiti, congiuntiviti, gengiviti e stomatiti. In più, con il suo elevato apporto di flavonoidi, la malva protegge le cellule dall’azione nociva dei radicali liberi contrastando efficacemente i processi ossidativi; la presenza della vitamina C ne potenzia il potere antiossidante rafforzando il sistema immunitario e migliorando la funzionalità delle arterie, del cuore e del fegato. A queste proprietà, la malva unisce i benefici della vitamina A, utile soprattutto contro le infezioni dell’apparato respiratorio, degli occhi e delle mucose. I nutrienti contenuti nella malva sono un vero toccasana anche per la pelle in virtù della loro azione idratante, lenitiva, protettiva e calmante: applicata sulla cute infiammata, infatti, questa pianta officinale esercita una delicata azione decongestionante combattendo lo stato infiammatorio e riducendo arrossamento, prurito e bruciore; le sue proprietà antiossidanti e rigeneranti favoriscono la riepitelizzazione dello strato epidermico. Ecco perchè gli estratti di malva sono spesso impiegati per trattare acne, seborrea, couperose, eczemi, couperose e rosacea.

Come si usa la malva

La malva è una delle piante officinali delle quali viene utilizzata ogni sezione: le radici, le foglie e i fiori, infatti, sono egualmente ricchi di principi attivi. Con queste parti è possibile preparare tisane e decotti casalinghi, utili soprattutto come coadiuvanti nelle sindromi influenzali e nei disturbi gastrointestinali; il decotto può essere utilizzato anche per effettuare gargarismi in caso di tosse, mal di gola, ascessi dentali e infezioni del cavo orale. La tisana si prepara con una miscela di fiori e foglie essiccati: il dosaggio ideale è di due cucchiaini, da lasciare in infusione per 20 minuti circa in 200 ml di acqua calda, filtrare e dolcificare a piacere. La bevanda così ottenuta può essere bevuta in qualsiasi momento della giornata; se si desidera soprattutto un’azione lassativa e depurativa, il momento ideale è al mattino a digiuno. Per il decotto è sufficiente far bollire 50 grammi di foglie fresche in un litro d’acqua per una decina di minuti; al termine del tempo di ebollizione, la bevanda va filtrata e dolcificata con miele per aumentarne l’effetto lenitivo e mucolitico in caso di raffreddore o bronchite. Il decotto può anche essere impiegato per impacchi localizzati sulla pelle in caso di dermatiti, arrossamenti, pruriti e reazioni cutanee di varia natura. La pianta può essere coltivata facilmente in vaso o in giardino perchè si adatta bene ad ogni condizione ambientale e non necessita di cure particolari: basta assicurarle un substrato ben concimato e una posizione soleggiata. In alternativa, è possibile acquistare la malva già essiccata presso qualsiasi erboristeria o negozio on line. In commercio esiste inoltre un’ampia gamma di preparati a base di malva per qualsiasi esigenza di benessere, dagli integratori alle pomate, dai prodotti per l’igiene ai veri e propri trattamenti farmacologici.

Le controindicazioni della malva

Per la sua azione lassativa, la malva è sconsigliata in caso di diarrea; la sua assunzione deve essere evitata anche in caso di ipersensibilità individuale verso alcune delle sue componenti (come la malvina e la malvidina). Per il resto, non esistono particolari controindicazioni riguardo al suo utilizzo; grazie alle sue proprietà lenitive ed emollienti, infatti, questa pianta è adatta ai soggetti più delicati e può essere somministrata anche in gravidanza.

Dove si trova la malva

Diffusa un po’ ovunque in Asia e in Europa, dove cresce spontaneamente nelle pianure e nelle zone incolte, la malva è una pianta selvatica che vanta molte varietà, sia annuali che perenni. Anche se resiste bene in condizioni climatiche e ambientali avverse, predilige le temperature miti, l’esposizione al sole diretto e i terreni fertili e ben drenati. Per la sua grande diffusione e la facilità di coltivazione, la malva ha un’elevata reperibilità, sia come pianta essiccata che sotto forma di estratto secco. Quest’ultimo è di solito commercializzato in capsule: gli integratori di questo tipo, realizzati secondo vari dosaggi e formulazioni, lo propongono da solo oppure in combinazione con estratti di altre piante officinali per potenziarne l’azione o diversificarne gli effetti. I principi attivi della malva sono inoltre presenti nella composizione di alcuni farmaci, sia per uso interno che per uso esterno; le aziende cosmetiche ne sfruttano ampiamente i benefici nella preparazione di prodotti detergenti, creme ad azione idratante e lenitiva, trattamenti per la cura della pelle acneica o couperosica.

Guarda anche le proprietà della borragine

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Dettaglio della pianta di Tribulus
Pubblicato da |
Tribulus terrestris: proprietà, uso e benefici
Origini e storia del Tribulus Terrestris Il Tribulus Terrestris è una pianta originaria dell'India che si è poi diffusa alla Cina e in altre zone asiatiche fino alle coste e...
Pianta fiorita di erisimo
Pubblicato da |
Erisimo: proprietà, uso e benefici
L'erisimo, la pianta dei cantanti L'erisimo è una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicacee, più comunemente note come crocifere. Il suo nome scientifico è Sysimbrium officinale ed erisimo è...
Radici, foglie e fiori di Rodiola
Pubblicato da |
Rodiola: proprietà, uso e benefici
La rodiola è una pianta medicinale originaria dell’Asia, le cui radici sono utilizzate da millenni nella medicina tradizionale cinese e russa come rimedio naturale. Vanta numerose proprietà benefiche per l’organismo,...