Vite rossa: proprietà, uso e benefici

Vite rossa: proprietà, uso e benefici

Foglie e frutti di vite rossa
(Last Updated On: 02/02/2018)

Vite rossa: caratteristiche generali e proprietà principali

La vita rosse (il cui nome scientifico è Vitis vinifera) costituisce senza dubbio una delle piante più apprezzate e conosciute al mondo. Si tratta di una pianta rampicante che appartiene alla famiglia delle Vitaceae e che è fortemente lodata per le tantissime proprietà di cui si compone. La vite rossa infatti è oggigiorno anche adoperata in campo medico ed erboristico in quanto è in grado di contrastare tutta una serie di malattie e patologie. Essa ha origine nell’Europa meridionale e nell’Asia occidentale ma al giorno d’oggi è possibile trovarla in quasi tutti i continenti del mondo. La vita rossa è composta da un arbusto dalla forma piuttosto irregolare che si sviluppa in lunghezza per un certo numero di metri. I rami sono pelosi mentre le foglie sono caratterizzate da un margine dentato irregolare. I fiori si riuniscono a pannocchia mentre il frutto, denominato acino, si riunisce in grappoli (comunemente conosciuti come uva). Questa pianta è chiamata così perché durante il periodo autunnale le sue foglie, prima di cadere, perdono il colore verde e si dipingono di una vivace tonalità di rosso. È proprio nelle foglie inoltre che sono contenuti i principi attivi della pianta. Essi sono chiamati bioflavonoidi e sono caratterizzati da un’azione antinfiammatoria ed antiossidante estremamente potente. In particolare la vite rossa ha un effetto positivo sulla circolazione grazie alla funzione vasoprotettrice dei bioflavonoidi. I principi attivi della vite rossa sono inoltre contenuti anche all’interno dei semi e della buccia del frutto, colmo di flavonoidi, vitamina P, acidi grassi polisaturi e antocianine.

I maggiori benefici che si possono trarre dalla vite rossa

La vita rossa è una pianta ricca di benefici che possono essere estremamente importanti per la salute dell’uomo. Innanzitutto essa giova in modo particolare a chi ha problemi di circolazione sanguigna: l’estratto di vite rossa infatti, insieme a quello di mirtillo e di ippocastano, è in grado di contrastare una circolazione del sangue lenta soprattutto nella zona delle gambe. In questa zona inoltre essa è in grado di agire sul gonfiore e sulla pesantezza, eliminando o comunque attenuando il problema delle vene varicose e delle gambe pesanti. Poiché questa pianta agisce sostanzialmente sui vasi sanguigni, è utile anche utilizzarla per combattere la cellulite e la couperose e per drenare il corpo. I principi di cui si compone la vite rossa sono anche spesso adoperati come anticoagulanti in modo particolare per curare le emorroidi. Oltre a ciò si sono riscontrati numerosi benefici anche per ciò che concerne il diabete, l’ipertensione e il colesterolo. Anche il cuore può trarne un grande beneficio in quanto è stato dimostrato che l’estratto di vite rossa aiuta molto in caso di pressione alta in quanto previene l’indurimento delle pareti arteriose. Per le donne in menopausa è consigliabile assumer degli integratori a base di vite rossa che permettono di ridurre sensibilmente la fastidiosa sensazione di gonfiore, calore e palpitazioni. Anche la pelle del viso e del corpo può essere fortemente avvantaggiata dall’utilizzo di questa pianta in quanto essa tende a rallentare l’invecchiamento cutaneo e dona un effetto anti-età.

Controindicazioni ed effetti collaterali della vite rossa

Nonostante siano molti i benefici di cui è caratterizzata questa pianta, non mancano delle controindicazioni e degli effetti collaterali che non bisogna certamente trascurare. Generalmente essi non sono molti o comunque non sono estremamente rilevanti per la salute dell’uomo. Di solito essa è sconsigliata durante la gravidanza oppure in caso di allergie alla pianta. È inoltre necessario evitare un dosaggio troppo elevato che potrebbe portare alla formazione di irritazioni, rossori, nausee, prurito della pelle oppure emicrania.

La vite rossa nella storia

La vite rossa è una pianta già molto conosciuta in epoca antica per le sue innumerevoli proprietà benefiche. Il popolo dei Sumeri ad esempio la chiamavano erba della vita, associandola ad una divinità denominata Dea Vite oppure Madre Vite. Quest’ultima viene anche nominata nella saga indiana di Gilgamesh: secondo il mito infatti l’eroe si appella a questa dea intenta a fare il vino per ottenere il dono dell’immortalità. Pertanto questa pianta già in tempi antichi era considerata come segno di giovinezza e vita eterna. Secondo il mito greco invece il vino era ritenuto il dono degli dei ed era attribuito a Dioniso, figlio di Zeus, che diventò il dio del vino per eccellenza portandolo anche tra gli uomini. In campo medico inoltre il vino era ritenuto essere una delle medicine più potenti per la cura di diverse malattie come ad esempio la dissenteria, vene varicose, geloni oppure in caso di ciclo mestruale molto abbondante.

I principali impieghi ed assunzioni della vite rossa

Al giorno d’oggi esistono tantissimi modi differenti per poter assumere la vite rossa. Innanzitutto essa può essere ingerita sotto forma di integratori che si possono trovare in gocce oppure in capsule. La pianta può poi essere utilizzata come olio: l’olio di vite rossa è infatti largamente impiegato per contrastare la formazione delle rughe e per la creazioni di prodotti cosmetici lenitivi. La tintura madre di vite rossa può invece essere assunta insieme ad una piccola quantità di acqua: basta infatti aggiungere alcune gocce di prodotto per creare una miscela estremamente stimolante per il microcircolo sanguigno. Per chi ha problemi di cellulite e ritenzione idrica è consigliabile bere delle tisane e decotti a base di vite rossa che favoriscono l’eliminazione dei liquidi e della pelle a buccia d’arancia. Esse inoltre sono particolarmente indicate per chi soffre di piedi gonfi, pesanti ed affaticati. La vite rossa si può poi anche trovare nelle creme per il corpo in quanto favorisce il rallentamento dell’invecchiamento cutaneo, favorisce il rinnovo cellulare e svolge un’ottima azione idratante.

La vite rossa aiuta a contrastare le malattie

La vita rossa è conosciuta a livello mondiale soprattutto per il suo frutto, l’uva, che può essere consumato come frutto di stagione in autunno oppure può essere utilizzato per realizzare il vino. Oltre a ciò l’uva è largamente apprezzata per le sue numerose proprietà antiossidanti contenute soprattutto all’interno dei semi. È qui infatti che si concentra la maggiore quantità di resveratrolo, un principio oggigiorno ancora molto studiato in quanto estremamente benefico. In alcuni casi infatti è stato dimostrato che questa potente sostanza è in grado di contrastare l’obesità, le malattie degenerative e quelle del sistema nervoso. Inoltre esso sarebbe anche in grado di prevenire la formazione di pericolosi tumori. L’uva poi, se mangiata solamente come frutto, depura l’organismo ed ha un effetto diuretico.

Guarda anche le proprietà della maggiorana

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

Dettaglio della pianta di Tribulus
Pubblicato da |
Tribulus terrestris: proprietà, uso e benefici
Origini e storia del Tribulus Terrestris Il Tribulus Terrestris è una pianta originaria dell'India che si è poi diffusa alla Cina e in altre zone asiatiche fino alle coste e...
Pianta fiorita di erisimo
Pubblicato da |
Erisimo: proprietà, uso e benefici
L'erisimo, la pianta dei cantanti L'erisimo è una pianta che appartiene alla famiglia delle Brassicacee, più comunemente note come crocifere. Il suo nome scientifico è Sysimbrium officinale ed erisimo è...
Radici, foglie e fiori di Rodiola
Pubblicato da |
Rodiola: proprietà, uso e benefici
La rodiola è una pianta medicinale originaria dell’Asia, le cui radici sono utilizzate da millenni nella medicina tradizionale cinese e russa come rimedio naturale. Vanta numerose proprietà benefiche per l’organismo,...