Come togliere il tappo di cerume

Come togliere il tappo di cerume

Rimedi per togliere tappo di cerume
(Last Updated On: 25/01/2018)

Come togliere il tappo di cerume dalle orecchie

Solitamente, la presenza di un tappo di cerume all’interno delle orecchie viene sottovalutata; pur non rappresentando un problema di grave entità, trascurarlo può portare allo sviluppo di sintomi quali vertigini, fastidiosi ronzii e abbassamento repentino della capacità uditiva.
È sufficiente intervenire tempestivamente per riportare la situazione alla normalità, evitando una visita dall’otorino.
Di seguito verrà indicato come togliere il tappo di cerume in modo efficace e senza rischiare di creare danni all’orecchio interessato.

Un primo metodo per rimuovere il tappo di cerume consiste nel cercare di ammorbidirlo, in modo che possa essere tolto con estrema facilità. Usare delle gocce emollienti di glicerina, oppure dell’olio minerale, impiegandolo più volte nel corso della giornata (mattino, mezzogiorno e sera), proseguendo in questo modo per almeno 4 giorni.

Nel caso in cui, nonostante l’intervento, non si noti alcun miglioramento e aumenti il senso di bruciore provato, è preferibile consultare un medico.

Come togliere il tappo di cerume con la cerulisina

In alternativa, è possibile acquistare in una farmacia una siringa senza ago, del cotone e della cerulisina. Una volta tornati a casa procedere scaldando con le mani la cerulisina, quindi preparare la siringa, prendere un batuffolo di cotone e una ciotolina contenente acqua tiepida. Usare il contagocce apposito per versare la quantità indicata all’interno del canale auricolare, inclinando la testa lateralmente prima di iniziare l’operazione
. Lasciare che la sostanza agisca per qualche minuto, sempre mantenendo il capo inclinato; in questo modo la cerulisina rimarrà a contatto con il tappo, riuscendo ad ammorbidirlo.

Nel caso in cui non si disponga del tempo necessario per rimanere fermi, si potrà inserire delicatamente nell’orecchio interessato un batuffolo di cotone, che impedirà alla sostanza di uscire una volta rialzata la testa. Successivamente prendere la siringa e riempirla con dell’acqua tiepida (non utilizzare mai acqua bollente, che potrebbe provocare gravi danni). Riversare l’acqua nell’orecchio, facendo attenzione ad irrorarlo molto lentamente; una eccessiva pressione, infatti, potrebbe danneggiare direttamente il timpano.

Se, nonostante questa operazione, il tappo dovesse rimanere al suo posto, ripeterla per un paio di giorni, eventualmente anche più volte nel corso di una stessa giornata. È importante sottolineare come quest’ultimo trattamento sia completamente indolore; infatti, qualora dovessero manifestarsi dei dolori all’orecchio, questa terapia dovrebbe essere interrotta al più presto, contattando immediatamente uno specialista.

Come togliere il tappo di cerume fai da te in casa

Un ultimo metodo è rappresentato da uno dei cosiddetti rimedi della nonna. Consiste nel riscaldare a bagnomaria qualche goccia di olio; utilizzare un pompetta contagocce per prelevarle, quindi versarle nell’orecchio, sempre dopo aver reclinato la testa. Prima di procedere verificare che l’olio sia caldo ma non bollente, per evitare problemi.

Guarda anche il rimedio naturale per il mal di testa

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

tea tree oil
Pubblicato da |
TEA TREE OIL: le tante proprietà ed utilizzi
Il tea tree oil è un olio essenziale ricavato dalle foglie della Melaleuca Alternifolia, una pianta molto diffusa nelle zone umide dell'Australia, dell'Asia e del Galles meridionale. La medicina popolare...
rimedio naturale per la stitichezza
Pubblicato da |
Rimedio naturale per la stitichezza o stipsi
Rimedio naturale per la stitichezza o stipsi La stitichezza è un problema ricorrente in Italia dove, statistiche alla mano, almeno l'11% della popolazione -donne in primis- ne soffre. Molti, per...
Rimedio naturale per la digestione postprandiale
Pubblicato da |
Rimedio naturale per la digestione postprandiale
Rimedio naturale per la digestione postprandiale Dopo pranzo può capitare di avvertire un senso di malessere soprattutto nella parte alta dell'addome, di sazietà precoce e un fastidioso e antiestetico gonfiore...