Rimedio naturale per la stanchezza cronica

Rimedio naturale per la stanchezza cronica

Rimedio naturale per la stanchezza cronica
(Last Updated On: 02/03/2018)

Rimedio naturale per la stanchezza cronica e l’astenia

La stanchezza cronica, definita scientificamente CFS (sindrome da fatica cronica), è uno stato clinico complesso caratterizzato da una sensazione opprimente di sforzo nel compiere le normali attività quotidiane. Spesso alla spossatezza si accompagnano mal di testa, dolori articolari, insonnia e faringite, e si rende quindi necessario un rimedio naturale per la stanchezza cronica.

Il disturbo può avere origini diverse, per questo necessita di un approccio a 360°, al fine di ricercare le ragioni profonde fisiche e psicologiche che la inducono.

In natura esistono moltissime sostanze in grado di fornire un valido supporto anche nei casi di stanchezza stagionale o periodica, associata al superlavoro o a problematiche di vita momentanea.

Un ottimo rimedio naturale per la stanchezza cronica è un decotto che prevede i seguenti componenti:
– 20 gr. di radice di ginseng;
– 20 gr. di semi di fieno greco;
– 20 grammi fiori di biancospino;
– 20 gr di rosmarino;
– 20 gr di melissa.

Il decotto si prepara rispettando la proporzione di 5 grammi di miscela per 100 ml di acqua. Far bollire la preparazione fino a 10 minuti e berne due tazze al giorno, evitandone l’assunzione serale.

Descrizione del rimedio naturale per la stanchezza cronica e l’astenia

Il ginseng, è un ottimo rimedio naturale per la stanchezza cronica ed è uno degli aiuti a cui si ricorre più di frequente quando si desidera riacquistare tono e voglia di fare. In commercio esistono soluzioni già pronte da assumere in compresse, fiale, o puro.

Le sostanze in esso contenute favoriscono lo stato di veglia, l’attenzione, la concentrazione e la resistenza fisica agli sforzi. E’ quindi molto indicato per la cura dell’astenia.

Il ginseng è un potente stimolante. Proprio per queste sue qualità, un suo abuso può provocare tachicardia, insonnia, pressione alta, tremori, mal di testa e problemi di digestione.
E’ controindicato in gravidanza e in allattamento e in soggetti affetti da malattie di origine psichiatrica, così come occorre evitarne l’assunzione assieme a sostanze eccitanti e con alcuni tipi di farmaci.

Stanchezza e astenia: rimedi naturali

Il fieno greco è originario del Medio Oriente e del Nord Africa. E’ una pianta dalle moltissime proprietà e impieghi, tra i quali l’assunzione nelle fasi di convalescenza da malattie che provocano uno stato di debolezza generalizzata, pressione bassa e magrezza.

Il rosmarino è adatto non solo in caso di sovraffaticamento fisico, ma anche mentale.

I fiori di biancospino vengono utilizzati nel decotto per bilanciare gli effetti tonificanti dei tre rimedi precedenti. Il biancospino ha infatti poteri sedativi, rilassanti e ansiolitici.

Stesso discorso per la melissa, che va ad agire direttamente sul sistema nervoso, favorendo la distensione, il riposo e il sonno.

Tra i rimedi naturali alternativi a questo rimedio naturale per la stanchezza cronica , oltre a condurre uno stile di vita sano,  ci sono i fiori di Bach (olive, hornbeam, oak, elm) e gli oli essenziali di rosmarino, zenzero, timo e pino silvestre.

Guarda anche il rimedio naturale per l’apatia e la stanchezza

ALTRI POST CHE TI SUGGERIAMO

tea tree oil
Pubblicato da |
TEA TREE OIL: le tante proprietà ed utilizzi
Il tea tree oil è un olio essenziale ricavato dalle foglie della Melaleuca Alternifolia, una pianta molto diffusa nelle zone umide dell'Australia, dell'Asia e del Galles meridionale. La medicina popolare...
rimedio naturale per la stitichezza
Pubblicato da |
Rimedio naturale per la stitichezza o stipsi
Rimedio naturale per la stitichezza o stipsi La stitichezza è un problema ricorrente in Italia dove, statistiche alla mano, almeno l'11% della popolazione -donne in primis- ne soffre. Molti, per...
Rimedio naturale per la digestione postprandiale
Pubblicato da |
Rimedio naturale per la digestione postprandiale
Rimedio naturale per la digestione postprandiale Dopo pranzo può capitare di avvertire un senso di malessere soprattutto nella parte alta dell'addome, di sazietà precoce e un fastidioso e antiestetico gonfiore...